Carta topografica degli Stati in terraferma di S.M. il Re di Sardegna alla scala di 1 a 50.000
0 0 0
Monografie

Sardegna <Regno> : Corpo reale dello Stato maggiore

Carta topografica degli Stati in terraferma di S.M. il Re di Sardegna alla scala di 1 a 50.000

Titolo e contributi: Carta topografica degli Stati in terraferma di S.M. il Re di Sardegna alla scala di 1 a 50.000 / opera del Corpo Reale dello Stato Maggiore

Dati della carta geografica: Scala 1:50 000

Pubblicazione: [Torino] : Corpo Reale di Stato Maggiore, 1852-1867

Descrizione fisica: carte topografiche ; dimensioni varie

Data:1852-1867

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Comprende: 92 titoli Mostra elenco Mostra in ricerca
Nota:
  • Longitudine dall'Osservatorio Reale di Torino
  • Miglia di Piemonte di 45 per grado o di 800 trabucci. Miglia d'Italia o geografiche di 60 al grado. Leghe di Francia di 25 al grado. Miglia svizzere di 24620 piedi di Zurigo. Miglia di Germania di 15 al grado. Miglia austriache di 4000 Klafter. Miglia inglesi di 1760 yards. Werstes di Russia di 500 saginee
  • Nel Quadro d'unione della gran carta degli ex Stati Sardi in terraferma, divisa in fogli 90 alla scala di 1:50.000, il titolo del Foglio n. 89 è Foce del Varo. Nella Gran carta degli Stati Sardi in terraferma divisa in fogli 91 alla scala 1:50000, il titolo del Foglio n. 89 è Isola di Capraja
  • Sulla carta: Cav.re Biasioli, inc.re, litog.fo il rilievo; J. Etienne-Gayet, scris.; Modotti, del.; Richetti dires.
  • La carta rappresenta la pubblicazione dei rilievi già utilizzati per le carte del 1841. Tale pubblicazione, decisa nel 1851, venne realizzata tra il 1852 e il 1867. La carta del Corpo Reale di Stato Maggiore Generale costituisce il documento cartografico più moderno e completo di queto periodo storico; costituì, infatti, la base della futura Carta d'Italia sviluppata dall'Istituto geografico militare. Una revisione della carta fu effettuata tra il 1871 e il 1874 ad opera dell'Istituto Topografico Militare (trasformato poi nel 1872 in Istituto geografico militare) con sede a Firenze. L'esemplare originale presenta campiti in colore azzurro i corsi d'acqua, i laghi e i mari. Repertorio cartografico: Il Piemonte nella cartografia degli stati sardi tra Restaurazione e Unità d'Italia, Torino 1989, pp. 23-25, tavv. 56-61
  • Sulla carta: Pubblicato dal R. Corpo di Stato Maggiore nell'anno 1854, sotto la direzione di apposita Commissione di Uff.ci del Corpo medesimo
  • Nella prima edizione, il Foglio n. 37, è segnato M. Iseran, quotato 4045 metri, alla testata della Valle dell'Arc, analogamente sul quadro d'unione. Nel 1870 i tipografi sardi, viste le rimostranze degli alpinisti inglesi sull'inesistenza di questo 4000, rivedono il foglio 37, cambiando il nome da M. Iseran in Ceresole Reale mentre sul quadro d'unione rimane M. Iseran. Sulla carta persiste il toponimo M. Iseran ma perde la quota già segnalata di 4045 metri. Nella nuova revisione del 1884, scompare definitivamente il M. Iseran sia dalla carta, sia dall'intestazione, sia da foglio d'unione, sostituito da Ceresole Reale. Stranamente sulla carta, al posto del M. Iseran, rimane una quota misteriosa 4043, che non è riferibile a nessuna montagna. Repertorio cartografico: L. e G. Aliprandi, Le grandi Alpi nella cartografia, 1482-1885, Ivrea 2007 (2 v.), p. 304-306 (vol. 2)

Nomi: (Incisore) (Autore)

Soggetti:

Immagini: Immagine 1 di
Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in più anni
  • Data di pubblicazione: 1852-1867
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.